18 giugno 2013 CAMBIA LA VITA NEL CONDOMINIO UNISCITI A NOI IN DIFESA DEI DIRITTI DEI CONDOMINI

18 giugno 2013 CAMBIA LA VITA NEL CONDOMINIO UNISCITI A NOI IN DIFESA DEI DIRITTI DEI CONDOMINI

martedì 26 agosto 2014

TASI al rush finale: metà Comuni senza delibera

       

Solo 3mila 600 Comuni hanno deciso le aliquote TASI 2014, negli altri senza delibera entro il 10 settembre salta l'acconto di ottobre e si paga tutto a dicembre: il punto della situazione.



Il rientro dalle vacanze degli Italiani rischia di esser contrassegnato da un nuovo caos IMU-TASI: entro il 10 settembre i Comuni devono varare le delibere con le aliquote 2014per permettere ai contribuenti di versare le tasse sulla casa (scadenza del 16 ottobre) ma, a due settimane dal termine, manca all’appello oltre la metà delle amministrazioni. Scorrendo la tabella del ministero delle Finanze, fra i capoluoghi di regione non si trovano ancora l’Aquila, Potenza, Catanzaro, Milano, Campobasso, Palermo, Perugia. In alcuni casi, come nel capoluogo lombardo, la delibera è in dirittura d’arrivo (approvata dalla giunta, deve passare in consiglio comunale).

Delibere pronte

Resta il fatto che su 8mila Comuni sono circa 3.600 le delibere pubblicate sul sito delle Finanze, cifra che fra l’altro comprende gli oltre 2mila enti che avevano già deciso entro maggio, e nei quali i contribuenti hanno pagato l’acconto TASI in giugno. Se a questo si aggiunge che ogni singola amministrazione ha stabilito regole diversein materia di aliquote, maggiorazioni, tipologie di prime case a cui si applicano eventuali agevolazioni e casi particolari, il caos per il contribuente è assicurato.

=> Stangata TASI: nuova IMU senza detrazioni

Situazione aggiornata

Ricordiamo brevemente la situazione. Ci sono circa 2.200 Comuni in cui, oltre all’IMU, è stato già pagato anche l’acconto TASI entro il 16 giugno, perché le delibere erano arrivate in tempo utile (fra gli altri Napoli, Bologna, Udine, Genova, Ancona, Torino, Bari, Cagliari, Trento, Perugia, Aosta e Venezia): in questi casi il prossimo appuntamento è a dicembre, per il saldo. Negli altri Comuni la scadenza per l’acconto TASI è il 16 ottobre, ma solo se c’è una delibera definitivamente approvata entro il 10 settembre. Se il Comune non delibera in tempo i contribuenti pagheranno tutto in un’unica soluzione adicembre.

Dunque, si assiste a una nuova corsa in molteplici amministrazioni. Fra le città più importanti segnaliamo che Roma ha tenuto allo 0,25% l’aliquota sulla prima casa applicando la maggiorazione dello 0,08% agli immobili diversi dall’abitazione principale, che pagano quindi l’1,14%.

=> TASI-IMU, la delibera di Roma per il 2014

Molto simili le decisioni di Milano, dove la delibera non è ancora ufficiale ma dovrebbe arrivare in tempo: la giunta ha stabilito uno 0,25% sulla prima casa e l’1,14% per gli altri immobili. Le agevolazioni sulla prima casa, però, sono diverse nei due comuni (in generale, ogni singola amministrazione ha stabilito regole differenti, quindi il consiglio per il contribuente è sempre lo stesso: controllare con attenzione la delibera del proprio comune per sapere quanto pagare).

=> TASI 2014, le decisioni del comune di Milano

I Comuni ritardatari si concentrano soprattutto nelle seguenti regioni: Basilicata, Campania, Calabria, Molise, Puglia e Sicilia. Non è sempre agevole leggere le delibere comunali: in alcuni casi le amministrazione ne hanno emessa una sola per IMU e TASI, in altri ci sono invece documenti separati. Se disponibili, si consiglia di consultare anche le guide operative e i prospetti che i comuni hanno eventualmente pubblicato.

=> Tasi e IMU, come leggere le delibere comunali

Un’altra considerazione riguarda le delibere TASI dubbie: il ministero delle Finanze a fine luglio ha emesso una circolare di chiarimenti in seguito a una serie di errori di alcune amministrazioni. Ricordiamo che la regola generale, contenuta nel Dl 16/2014 convertito dalla legge 68/2014, prevede che il comune possa applicare la maggiorazione dello 0,08 o alle prime case, portando quindi la relativa aliquota allo 0,33%, oppure agli altri immobili, alzando quindi la somma delle aliquote IMU e TASI all’1,14%. Non è in alcun modo possibile applicare la maggiorazione sia alle prime case sia agli altri immobili.

=> TASI: come si applica la maggiorazione dello 0,08%


Fonte PMI z -  Barbara weisz 26 agosto 2014

Nessun commento:

Posta un commento