18 giugno 2013 CAMBIA LA VITA NEL CONDOMINIO UNISCITI A NOI IN DIFESA DEI DIRITTI DEI CONDOMINI

18 giugno 2013 CAMBIA LA VITA NEL CONDOMINIO UNISCITI A NOI IN DIFESA DEI DIRITTI DEI CONDOMINI

martedì 4 novembre 2014

Iva, Irpef, Irap, Ires: le scadenze fiscali di novembre

Per dare un’idea delle scadenze fiscali che ci attendono a novembre, la metafora dell’ingorgo è troppo debole. L’immagine di un incolonnamento sulla Salerno-Reggio Calabria a mezzogiorno di Ferragosto, forse, rende meglio. Gli adempimenti a cui sono chiamati questo mese i contribuenti italiani arrivano a quota 221 tra versamenti, comunicazioni e dichiarazioni a vario titolo in materia di Iva, Irpef, Irap, Ires, cedolare secca e altro ancora. La data più importante da ricordare è senz’altro il 17 novembre, termine ultimo per i versamenti mensili delle ritenute fiscali, per le rate di Unico e per l'Iva periodica. Ma il calendario è più complesso. Ecco uno schema:

10 NOVEMBRE

- Imposta di bollo: istituti di credito, Sim, altri intermediari finanziari, società fiduciarie devono versare in modo virtuale dell'imposta di bollo relativa agli assegni circolari in circolazione alla fine del terzo trimestre 2014.

- Doppia scadenza per Caf e professionisti abilitati: consegna a dipendenti e pensionati del modello 730 integrativo e del prospetto di liquidazione modello 730/3 integrativo; trasmissione telematica all'Agenzia delle Entrate dei dati contenuti nelle dichiarazioni integrative 730/2014 e i relativi modelli 730-4 integrativi.

14 NOVEMBRE

- Termine ultimo per la comunicazione delle minusvalenze su partecipazioni di ammontare superiore a 50mila euro derivanti da operazioni su azioni o altri titoli negoziati. La scadenza riguarda i soggetti Ires (società di capitali, SpA, Srl, Cooperative, Sapa, enti pubblici e privati diversi dalle società, Istituti di credito, Sim e altri intermediari finanziari, società fiduciarie e enti che svolgono attività commerciali e non).

17 NOVEMBRE

- Irpef: pagamento a titolo di saldo per il 2013 e/o di primo acconto per il 2014, più relative addizonali.

- Iva: versamenti relativi al terzo trimestre, al mese precedente o a titolo di saldo per il 2013.

- Irap: rata a titolo di saldo per l'anno 2013 e di primo acconto per l'anno 2014.

- Cedolare secca: imposta sostitutiva nella forma della a titolo di saldo per il 2013 e di primo acconto per il 2014.

- Ires: versamenti a titolo di saldo per l'anno 2013 e di primo acconto per l'anno 2014.

- Sostituti d’imposta: versamento delle ritenute alla fonte operate nel mese precedente.

- Versamenti imposte sostitutive.

- Contribuenti Iva con obbligo di liquidazione mensile/trimestrale: presentazione della comunicazione dei dati contenuti nelle dichiarazioni d'intento ricevute per le quali le operazioni effettuate senza applicazione d’imposta sono confluite nella liquidazione con scadenza 16 novembre.

- Ravvedimento: ultimo giorno utile per la regolarizzazione dei versamenti di imposte e ritenute non effettuati (o effettuati in misura insufficiente) entro il 16 ottobre 2014, con la maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta al 3%.

- Adempimenti contabili relativi alla registrazione di fatture differite, delle operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale.

- Titolari di pensioni non superiori a 18mila euro annui: scadenza per chiedere al proprio ente pensionistico di pagare il canone Rai dal 2015 tramite ritenuta sulle rate della pensione.

25 NOVEMBRE

- Intrastat: scadenza per gli operatori intracomunitari con obbligo mensile, che devono presentare gli elenchi riepilogativi (Intrastat) delle cessioni e/o acquisti intracomunitari di beni, nonché delle prestazioni di servizi intracomunitari effettuati nel mese precedente.

E A DICEMBRE?

Superato questo novembre da incubo, ai contribuenti non saranno concesse nemmeno 24 ore di pausa. Il primo dicembre, infatti, scadranno gli anticipi delle imposte in acconto per il 2014, come l'Ires dal 101,5% fino al 130% per banche e assicurazioni o come l'Irpef al 100%. Il 16 dicembre sarà la volta del saldo di Imu e Tasi. Il 27 toccherà invece al versamento dell'acconto Iva, mentre il 29 ed il 18 dicembre scadranno i termini per le presentazioni tardive rispettivamente dei modelli Unico e dei 770. Senza dimenticare l'ultima rata Tari nei Comuni che la prevedono.

Da qua a fine anno, in tutto, gli adempimenti sono oltre 400. I più colpiti, come sempre, sono i titolari di partite Iva, con 119 scadenze per imprenditori, artigiani e commercianti e 117 per i professionisti. Le società di capitali seguono con 100, mentre lavoratori dipendenti e pensionati chiudono il podio con 51 adempimenti. Il tutto, ricordiamo, nel giro di due mesi.  
 

Nessun commento:

Posta un commento